Editoriale Giugno 2008

Ciao a tutti, eccoci con un del nostro .

Dopo il successo ed il che abbiamo riscontrato in tutti voi eccoci di nuovo al lavoro con un’altro magazine pieno di novita’.
Le categorie sono tante ed ogni volta cercheremo di segnalarvi il meglio di ognuna di esse, ma è importante anche il vostro contributo, quindi se volete segnalare qualcosa che ritenete debba essere inserito nel prossimo magazine fatelo pure nelle relative sul forum.
Vi aspettiamo!!!

Share

Treasure Hunter Eldorado





Ancora un colpo di genio da Game Top Com.

Questo produttore ci sbalordisce ad ogni nuova pubblicazione di per l’accuratezza e la bellezza dei suoi prodotti.
Questa è la volta di un puzzlegames, eccovi la recensione dal sito:

Vuoi diventare un vero cacciatore di tesori e trovare la città perduta di Eldorado?

Questo bellissimo , ricalca lo stile dei migliori giochi del genere , devi spostare le figure invertendole in modo da formare un minimo di 3 figure consecutive, che, una volta formate esploderanno lasciando scorrere al loro posto altre figure che ci sono sopra e così via fino a che entreranno nuove figure dall’alto.
Man mano che vai a livelli superiori il diventa più difficile perchè dovrai formare figure in posti molto difficili e se non formerai le figure in tutte le caselle non accederai al livello successivo, poi ci saranno figure bloccate che non potrai invertire e dovrai fare in modo di formare con le sole figure che muovi delle catene di figure anche con quelle bloccate.

Bellissima grafica e musiche di atmosfere fanno di questo gioco un piacevolissimo passatempo che vi appassionerà sempre di più finche non lo avrete completato…e dopo ricomincerete asd2.gif


Per scaricare il gioco o rispondere alla discussione sul sito, clicca qui

Share

I Giochi Preferiti Di Lady G

Blast Billiard 2008








E’ un classico del con dall’alto. Ci sono 20 livelli di differente difficoltà e lo scopo del è quello di imbucare le nei secondi a disposizione per ogni livello.
Adattissimo per e dimenticarsi dello stress, questo gioco è di una semplicità estrema per quanto riguarda l’uso ma richiede una buona dose di pratica e di abilità per riuscire a portare a termine tutti i livelli.
Consigliabile a tutti.
Clicca qui se vuoi giocare a questo gioco nella nostra Arcade.

Share

Nuovi Giochi in Arcade

Share

The Blob (De Blob)

Certo, questo è già a pagamento nelle versioni Wii e Nintendo DS, ma nella versione Pc è gratis e certamente non vi deluderà!

Nel gioco TheBlob, creato da 9 studenti olandesi ( il livello a cui sono arrivati) dovrete far l’alieno Blob per l’intera città e schiacciare le guardie. Tramite il “srotolerete” il Blob e cliccando col sinistro lo farete saltare. Schiacciate le persone (l’unica cosa ancora colorata nella città) per far prendere un colore al Blob e poi andate addosso a tutto quello che trovate per colorarlo del vostro colore!
Lo scopo del gioco è quello di colorare dei particolari edifici bersaglio di un colore prestabilito, quindi dovete colorare il Blob di quel colore prima di colpire il punto esatto dello stesso colore per colorare quell’edificio. Vincerete quando avrete colorato tutti gli edifici bersaglio della città.
ogni volta che schiaccerete una guardia di un colore, il Blob cambierà in quel colore tranne se schiaccerete una guardia nera. In quel caso, il blob diventerà nero e rimarrà cosi anche se schiaccerete guardie di diverso colore. Per fare in modo che il blob si possa colorare di nuovo dovrete lavarlo facendolo rotolare in acqua (c’è un fiume che attraversa tutta la città). Una volta diventato bianco poi dovete schiacciare di nuovo una guardia per colorarlo.
I bersagli sono indicati da frecce colorate dipinte lungo il percorso cittadino ma potrete vedere l’insieme della mappa della città premendo sul tasto destro del mouse.

Molto bella la grafica che però richiede una scheda video di almeno 128 Mb ed un processore almeno da 1600 Mhz per evitare fastidiosi scatti e rallentamenti.

Incredibilmente divertente ed appassionante pur nella sua semplicità, questo gioco semplice vi terrà attaccati al PC per passarci piacevolissime ore di spensierato gioco.

Operativo: 2000 o superiore
Lingua: Inglese
Licenza: Freeware
Dimensione: 98 Mb

Lascia un commento o scarica questo gioco dal nostro sito

Share

Postal 2 Share The Pain ( First Person Shooter)

Postal 2 The Pain Free MP

( sito: http://www.gopostal.com/freestp.php )

Descrizione:
Postal è un violentissimo, macabro e politically scorrect asd2.gif
Questa è la parte , e potrete giocare con tanti altri .
Sono presenti un alto di armi “inusuali”, e potrete fare di ogni sui vostri … pure pisciarci sopra.
Questo è un titolo dedicato ad un pubblico adulto per l’ dose di violenza e sangue a gogo …

Requisiti:
98 / ME / 2000 / XP
Minimi
– 733 MHz Pentium 3
– 128 MB RAM
– 32 MB 2-class o comunque compatibile con DirectX 8.1
– Scheda sonora
Raccomandati
– 1.2 GHz Pentium 3
– 384 MB RAM
– 64 MB GeForce3-class

Screenshot: ( questi sono presi dalla versione singleplayer, ma l’ambiente e il tema si vede bene asd2.gif )
http://gopostal.com/postal2/screenshots.php

Video


Immagine anteprima YouTube Immagine anteprima YouTube

Se vuoi scaricare il gioco o discuterne vai qui: Click


Share

Tiramisù alla Nutella

Tiramisù alla

:
200gr di
1 barattolo da 400 gr di Nutella
(una caffettiera da 3 tazzine)
Latte (3 tazzine da caffè)
Panna da montare q.b.

Preparazione:

Preparare il caffè,versarlo in una ciotola e diluirlo con il latte. Bagnare i Savoiardi, adagiarli in una pirofila formando il primo strato. Versare sopra la Nutella precedentemente sciolta a bagnomaria. Fare un secondo strato con i Savoiardi e ricoprire con la panna montata. Per finire spolverare con cacao amaro. Mettere in frigo per almeno 2 ore prima di servire.

Clicca qui per inserire un tuo commento sul sito

Share

CloneSpy, rimuove file doppioni

Rimuove file duplicati e rindondanti.

Why was CloneSpy written?
Do you often download files from the ? Is your hard drive crowded with these files? Have you ever asked yourself which files you have downloaded more than once? Perhaps you have burned files to a CD and retrieved them again? Do you want to find these files and eliminate the duplicates? Maybe you want to find duplicate files without checking your entire collection of backup CDs every time? Then CloneSpy is the right tool for you!

What can CloneSpy do?
CloneSpy can help you free up hard drive space by detecting and removing duplicate files. Duplicate files have exactly the same contents regardless of their name, date, time and location. Also, CloneSpy is able to find files that are not exactly identical, but have the same file name. Perhaps you have different versions of a file and you want to find all of them and remove the older versions. CloneSpy can also find zero length files. These are files that have no content.

With CloneSpy you can process files which
* are duplicates
* are duplicates and have the same file name
* have the same file name
* have the same file name and (approximately) the same size
* are zero bytes long

CloneSpy offers you a complete mechanism for determining which duplicate or same-name files should be removed. It is also possible to leave this decision up to the individual user.

CloneSpy can handle equal files by
* deleting redundant files
* moving redundant files to a specific folder
* exporting a list of all equal files without removing any files
* deferring file operations on redundant files to a batch file where you can apply arbitrary file operations

With CloneSpy you can build checksum files from files on CDs (or even on hard drives, etc.) and use them to check whether these files already exist on your system. The checksum files will prevent you from having to play DJ every time you search for duplicates!

Traduzione in Italiano:

Perche’ è stato creato clone spy? Scarichi spesso file da internet? Il tuo HD è pieno di questi file?
Ti sei mai chiesto quali file hai gia’ scaricato piu’ di una volta?
Ti è mai capitato di masterizzarli e poi scaricarli di nuovo? Vorresti trovare questi file ed eliminarne i ? Forse vorresti trovare questi duplicati senza consultare la tua collezione di BU tutte le volte? Clone spy è lo strumento giusto per te.

Cosa fa’ clone spy? Clone spy ti aiuta a liberare spazio sull’ HD scoprendo ed eliminando i file ridondanti. I file ridondanti hanno esattamente lo stesso contenuto a prescindere da nome data e locazione. Clone Spy è anche in grado di trovare i file che non sono esattamente ma che hanno lo stesso nome. A d esempio, se tu hai differenti versione di un file ti consente di cancellare tute l versioni piu’ vecchie e tenere solo la piu’ aggiornata. Clone spy è anche in grado di trovare i file di dimensione 0 ossia file senza contenuto.

Con clone spy tu puoi controllare i file che:

1) sono doppi
2) sono doppi ed hanno lo stesso nome
3) hanno lo stesso nome
4) hanno lo stesso nome e piu’ o meno la stessa dimensione
5) sono di 0 bytes

Clone spy ti offre un meccanismo completo per decidere quali file doppi o con lo stesso nome possono essere rimossi; è anche possibile lasciare questa decisione all’utente individuale.

Clone spy gestisce file uguali in questa maniera

1) cancella i file ridondanti
2) sposta i file ridondanti in una specifica
3) crea una lista di file uguali senza spostarli
4) rinvia le operazioni sui file ridondanti creando un file di batch con il quale puoi farne cio’ che vuoi

Con Clone Spy tu puoi fare una lista dei file contenuti sui cd di BU o sul tuo HD e utilizzare questa lista per controllare se questi file sono gia’ presenti sul tuo . La lista ti consente di non dover fare il DJ ogni volta che cerchi un doppione!!

Versione: 2.3
Licenza:

Clicca qui per scaricare dal sito o lasciare un commento alla discussione

Share

Avg Antivirus 8.0

Antivirus

AVG Free Edition è la versione dell’antivirus sviluppato da Grisoft. Il programma offre, in un’unica compatta soluzione, gli di base per la protezione del proprio personal computer da qualsiasi infezione da virus.
AVG, oltre allo scanner ed al modulo residente in memoria, mette a disposizione una che provvede ad effettuare in automatico la scansione della posta elettronica alla ricerca di allegati infetti.
Cosa ancor più rara tra gli antivirus freeware, è la possibilità di creare un “Rescue Disk” (un floppy disk di emergenza) a cui si può ricorrere per ripristinare le funzionalità del in caso di infezione. Utilizzando il Rescue Disk, il viene riavviato in modalità DOS in modo tale da evitare il caricamento in memoria di eventuali virus e componenti maligni. Va sottolineato, infine, come AVG goda della certificazione ICSA Labs.

Tra i tanti antivirus presenti sul mercato, abbiamo riscontrato in AVG una caratteristica in particolare, per nulla presente in altri antivirus sia pur costosi e blasonati.
Una volta scaricato e installato l’antivirus, apriamo il Blocco Note e digitiamo una semplice riga di codice batch, ad esempio:

@echo off

Salviamo il file con il seguente nome ‘test.txt.bat’ (con le virgolette). Il nostro obiettivo è quello di creare un file simile a un possibile virus; in realtà, il contenuto del file in questo caso non importa, ciò che conta è che questo antivirus è in grado di rilevare la doppia estensione del file che potrebbe nascondere un virus. Per eseguire il test, clicchiamo con il tasto destro del su test.txt.bat.
Come risultato otterremo un avviso di probabile virus da parte di AVG.
AVG reagisce così perchè intravede una minaccia in un file camuffato in questo modo e, in effetti, potrebbe essere dannoso; basterebbe un semplice file batch con il comando format c: per perdere tutti i dati! Questo test può essere eseguito con tutti i sistemi operativi e con qualsiasi antivirus; provate col vostro attuale antivirus e segnalate pure in questo thread se vi sono altri antivirus che reagiscono in questa stessa maniera.

Piattaforma: Windows, (95, 98, ME, 2000, XP, Vista) Linux
Licenza: Freeware
Dimensione: 46.1 MB
: Inglese (Italiano nelle versioni a pagamento)


Clicca qui per scaricare il software dal forum o rispondere alla discussione

Share

Xpadder e usi il pad al posto di tastiera e mouse

Xpadder

Tramite Xpadder, potrete usare il vostro per comodamente evitando di usare i tasti tastiera che molti impongono!

Finalmente, qualsiasi gioco, anche che non supporti il Joypad può essere facilmente usato tramite Xpadder. Una vera e propria tramite joypad di tutti gli che controllano il vostro pc e quindi non solo la tastiera, ma anche i movimenti e i clic del .

Usando il joypad per controllare il mouse e la tastiera, potrete stare comodamente a distanza di sicurezza (per i vostri occhi) dallo schermo. Programmino davvero utilissimo per chi ha più familiarità con i controller delle console, piuttosto che con le keyboard e il mouse.

Xpadder supporta tutti i tipi di joypad che il pc riconosce; anche nel caso abbiate un adattatore per usare il pad della playstation.

Il software non ha bisogno di installazione, si tratta di un eseguibile è multilinguaggio ma bisogna scaricare il file di linguaggio che interessa, scompattarlo ed avviare il , dopodichè andare in options/language e cliccare su new. Trovare il file di linguaggio che avevate scompattato e premere save.as e salvare il file di linguaggio modificato per upgradarlo nel .
A questo punto premere (sempre da option/language) il tasto ceck e fargli trovare il file che avete upgradato prima e premere di nuovo save.as.
Spegnete e riavviate il programma Xpadder è questa volta il programma sarà in Italiano.

Insomma una Utility davvero indispensabile per ogni gamers che si rispetti :-D

Scarica il software dal sito oppure lascia un commento

Share

Marco Travaglio a Che tempo che fa’

Marco Travaglio è uno di piu’ noti giornalisti che si batte per al liberta’ di stampa. Mai una delle sue dichiarazioni che non abbia avuto un riscontro di prove e di fatti, vi riporto di seguito l’articolo sul “” relativo alla dell’ 11 maggio di “che tempo che fa’” in cui è stato ospite lo stesso Travaglio, e per la quale sono nate polemiche nell’ambito politico Italiano.Premetto che su internet si trova anche solo la parte relativa alle dichiarazioni di Travaglio su Schifani ma ascoltarla tutta la per chi non l’ha vista è divertimento assicurato.

Articolo de “il messaggero”

Travaglio accusa Schifani in tv da Fazio: è bufera

Il presidente del Senato: vogliono minare il dialogo
Il si è scusato e stasera ha letto la replica ufficiale della Rai

ROMA (11 maggio) – Nuova bufera in Rai. Alla trasmissione di Rai 3 “Che tempo che fa” di sabato sera il giornalista Marco Travaglio ha attaccato pesantemente il neo presidente del Senato, Renato Schifani, e subito è scoppiata la polemica. Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato, minaccia di adire le vie legali: «Ancora una volta il cosiddetto servizio pubblico della Rai viene messo a disposizione della condotta diffamatoria di Travaglio. Le offese a Schifani troveranno la giusta risposta nelle sedi giudiziarie».

«Non posso che scusarmi», ha detto oggi , conduttore di “Che tempo che fa”, rivolgendosi al presidente del Senato. «Che tempo che fa – ha aggiunto Fazio – ha sempre cercato di rispettare due principi. Il primo: consentire la totale libertà di espressione a tutti i propri ospiti, evidentemente anche quando non se ne condividono le opinioni, come ho esplicitamente sottolineato in diretta ieri sera a proposito di alcune affermazioni fatte da Marco Travaglio nel corso della puntata. Il secondo è quello di non offendere nessuno. Tanto più se assente e dunque impossibilitato a difendersi. L’offesa non mi appartiene. Quindi, quando ciò accade, non posso che scusarmi. A maggior ragione in questo caso per il rispetto che è dovuto alla istituzione che il presidente Schifani rappresenta. E desidero ribadirgli che, se e quando lo riterrà opportuno, sarà il benvenuto a “Che tempo che fa”. Rispettare la doppia libertà – conclude Fazio – quella di chi c’è e quella di chi non c’è, è sempre stato e rimarrà l’obiettivo di questa trasmissione».

Schifani: qualcuno vuole minare il dialogo. «Si tratta di fatti inconsistenti e manipolati che non hanno dignità di generare sospetti. La verità è che qualcuno vuole minare il dialogo e il confronto costruttivo che ha caratterizzato l’inizio di questa legislatura». Renato Schifani, presidente del Senato, risponde così ai microfoni del Tg1 agli attacchi ricevuti ieri da Marco Travaglio. «La via per perseguire il dialogo – dice Schifani – parte da un fatto storico, la reciproca legittimazione che è avvenuta con lo storico incontro Berlusconi-Veltroni sulla riforma elettorale. E poi lavorare, così come lavorerò io sulla maggioranza e sul governo affinché in Aula le proposte dell’opposizione, quelle compatibili, possano essere condivise ed eventualmente approvate. Se c’è qualcuno che deve pagare dei prezzi li pagherà. Io sto pagando in queste ore, ma sono sereno, nessuno fermerà la mia azione per fare in modo che sui temi della legalità delle riforme e delle proposte condivise si possano abbattere gli steccati e lavorare insieme, perché ce lo chiede il Paese e anche il Capo dello Stato».

La replica ufficiale della Rai. La Rai ha replicato stasera ufficialmente all’attacco di Travaglio a Schifani in apertura di “Che tempo che fa”. Fabio Fazio, che si è scusato nuovamente per l’episodio, ha detto: «Nel mio mestiere possono capitare incidenti di percorso, ma parole come “trappola”, “macchinazione”, “complotto”, non fanno parte del mio modo di lavorare, non esistono secondi fini: usare le parole è un privilegio, non un rischio, ma non si può essere all’altezza di questo privilegio se non si corrono rischi». Fazio ha quindi letto una nota «del nostro editore, cioè la Rai, nella persona del direttore generale ». Questa la nota: «Il direttore generale, in relazione alle dichiarazioni rilasciate ieri da Marco Travaglio nel corso di questa trasmissione, non solo si dissocia a nome della Rai e manifesta nei confronti del presidente del Senato, Renato Schifani, la più alta considerazione e rispetto, ma non può che stigmatizzare un comportamento – inaccettabile in qualsiasi programma del Servizio pubblico – che mette in campo critiche, insulti e affermazioni diffamanti senza alcuna possibilità di contraddittorio».

Cappon: episodio deprecabile. Il direttore generale della Rai, Claudio Cappon, aveva già espresso in giornata profondo rincrescimento e vivo rammarico per le affermazioni di Marco Travaglio. Un episodio che ha definito «deprecabile», un comportamento a suo avviso «ingiustificabile», tanto da aver preso contatti con le strutture aziendali per le iniziative del caso.

Ma Travaglio si difende. «Ho solo citato un fatto scritto già nel mio libro e in quello di Lirio Abbate, giornalista dell’Ansa minacciato dalla mafia, e cioè che Schifani aveva avuto rapporti con persone poi condannate per mafia – ha affermato il giornalista -. È agli atti societari della Sicula Brokers fondata da lui, Enrico La Loggia, Mino Mandalà, condannato come mafioso, e Benny D’Agostino, condannato per concorso esterno. O si chiede conto a Schifani di questo o non si celebra Abbate come giornalista antimafia. A Fazio ho spiegato che se dopo De Nicola, Pertini e Fanfani, ci ritroviamo con Schifani sono terrorizzato dal dopo: le uniche forme residue di vita sono il lombrico e la muffa. Anzi, la muffa no perché è molto utile».

Lainati: ancora un esempio di faziosità. «Ancora una volta la Rai ha offerto un esempio di faziosità – ha affermato Giorgio Lainati, capogruppo Fi-Pdl in Commissione di vigilanza sulla Rai -. Chiediamo al presidente della Rai Petruccioli e al direttore generale Cappon se è ancora ammissibile questo uso privato da parte di Travaglio della tv pubblica, quella pagata con gli abbonamenti di milioni di italiani, in assenza di un minimo contraddittorio e di una qualsiasi forma di pluralismo dell’informazione. Del resto non ci stupiamo che questo sia avvenuto nel programma “Che tempo che fa”, il cui conduttore Fabio Fazio non ha mai perso l’occasione di offrire simili tribune a giornalisti militanti della sinistra».

Ruffini: grave offesa a chi rappresenta istituzioni. Si dissocia da Travaglio anche Paolo Ruffini, direttore di Rai tre. «Mi dissocio dalle affermazioni di Marco Travaglio e ne stigmatizzo il comportamento, a maggior ragione perché ha violato uno spazio come quello di “Che tempo che fa”, che si caratterizza per l’equilibrio e la correttezza dei toni. L’esercizio della libertà di opinione non può mai sconfinare nell’offesa personale ed è ancora più grave se questa viene rivolta a chi rappresenta le istituzioni. Bene ha fatto Fabio Fazio a dissociarsi immediatamente dalle dichiarazioni di Travaglio».

Finocchiaro: inaccettabili accuse così gravi. Critiche sono state rivolte a Travaglio anche da Anna Finocchiaro, capogruppo del Pd al Senato: «Trovo inaccettabile che possano essere lanciate accuse così gravi, come quella di collusione mafiosa, nei confronti del presidente del Senato, in diretta tv su una rete pubblica, senza possibilità di contraddittorio».

Matteoli: evitare il ripetersi di episodi del genere. Contro l’intervento di Travaglio si è schierato anche il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli: «Ho lavorato insieme a Renato Schifani per due anni. So cosa pensa della criminalità organizzata e soprattutto so quanto si è battuto nelle aule parlamentari per approvare provvedimenti legislativi per contrastarla. L’attacco di ieri sera, utilizzando senza contraddittorio il mezzo televisivo pubblico, è una vergognosa imboscata. Mi auguro che vi si possa porre riparo evitando almeno che episodi del genere si possano ripetere».

Di Pietro difende Travaglio
. A difesa del giornalista si è schierato invece Antonio Di Pietro: «Esprimo solidarietà a Marco Travaglio perché ha fatto semplicemente il suo dovere raccontando quel che sono i fatti – ha affermato -. Episodi che non possono essere cambiati o taciuti solo perché, da un giorno all’altro, una persona diventa presidente del Senato oppure, e solo per questo, cancellare con un colpo di spugna la sua storia ed il suo passato. Un giornalista che racconta, citando episodi specifici, non ha bisogno di alcun contraddittorio – ha aggiunto l’ex pm -. Paradossalmente vorrebbe dire che ogni qualvolta un giornalista scrive o riporta la cronaca di una rapina, si dovrebbe ascoltare anche la versione del rapinatore. Il contraddittorio, semmai, deve essere fatto dai politici quando si confrontano tra di loro».

Fonte: IL MESSAGGERO


leggi la discussione sul sito

Share

GOMORRA; Viaggio nell’impero economico e nel sogno di dominio della camorra

Fonde in forma di romanzo fatti autobiografici, giornalismo d’inchiesta e analisi sociale per raccontare la realtà della nelle sue dimensioni economiche, imprenditoriali, sociali ed ambientali. Il romanzo si propone di raccontare i meccanismi del mondo camorrista che dalla e dalla periferia napoletana ha esteso i suoi orizzonti affaristici ad un livello sempre più internazionale, con la complicità di altre organizzazioni criminali e delle classi politiche ed imprenditoriali. Compaiono i nomi dei componenti delle famiglie camorriste più famose e potenti della , quali i Di Lauro, i Nuvoletta, i Casalesi e molti altri.

Indice

Prima parte:

* Il porto – descrive il commercio di scarpe, abbigliamento, accessori d’importazione cinese attraverso il porto di
* Angelina Jolie – la sartoria di qualità per i grandi marchi della moda italiana realizzata in condizioni di miseria umana e .
* Il – descrizione del funzionamento della Camorra
* La guerra di Secondigliano – i , gli equilibri, le regole della scalata al potere nel quartiere di Secondigliano
* Donne – la vita delle donne degli affiliati e le boss

Seconda parte:

* Kalashnikov – descrizione dei traffici e dell’utilizzo dell’arma preferita dalla Camorra
* Cemento armato – l’impero economico dei cantieri edili nella zona di , San Cipriano d’Aversa e Casapesenna in provincia di Caserta
* Don Peppino Diana – il sacerdote Giuseppe Diana, ucciso a Casal di Principe perché manifestava la sua opposizione al Sistema camorristico
* Hollywood – Somiglianze e scimmiottamenti dei film hollywoodiani da parte dei boss
* Aberdeen, Mondragone – I rapporti della camorra in Gran Bretagna
* Terra dei fuochi – L’affare dello smaltimento dei rifiuti urbani e tossici in Campania e tutta Italia, e la catastrofe sanitaria derivata.

(fonte:recensione wikipedia)

l’ho finito di leggere propio questa mattina (al lavoro :P )… che dire? Non so se il disgusto è più forte della rabbia o viceversa.
Chi tenta di seguire le cose del mondo con un po’ di attenzione e molto cinismo non rimane impreparato del tutto…
che la organizzata fosse uno dei pilastri dell’economia italiana è un fatto palese se si prende la briga di voler guardare appena al disotto delle notizie riportate secondo comodo da gran parte degli organi di informazione… ma vedersi sbattere in faccia delle realtà che superano di gran lunga la più pessimistica delle fantasia… beh, è tutto un altro discorso.

la connivenza tra politica e malavita organizzata, il potere politico, imprenditoriale e militare dei clan, la fitta rete di terrore che partendo dalla Campania hanno esteso a tutto il mondo, la dittatura imposta ad un intera regione ed a un intero popolo, a cavallo tra omertà, connivenza, semplice terrore oppure la brutale necessità di dover ingollare tutto per poter non già vivere ma almeno sopravvivere; Saviano con spietata lucidità porta il lettore all’interno di questo mondo.
Una sorta di girone infernale, dove non si è nemmeno più in grado di distinguere fino in fondo tra dannati e persecutori, tra vittime e carnefici… ma sopratutto una sorta di bomba lanciata nel calderone del conformismo italiano. Un dito puntato contro chi parla e straparla di criminalità da combattere “dimenticando” il piccolissimo dettaglio che con quella criminalità, come direbbe Camilleri “ci sparte il pane”… quando non ci si accoppia direttamente.
Imprenditori di moda che sfruttano la manodopera al nero messa a disposizione dai clan per abbattere i costi di produzione…
il ricco nord-est, locomotiva economica d’italia, che può permettersi di essere tale facendo seppellire i propri rifiuti tossici nelle terre dei clan in campania…
grandi imprenditori,additati come business-man vincenti, che impongono i loro prodotti sfruttando le tattiche ricattatorie degli uomini dei raket…
i giornalisti che tagliano e cuciono le storie a seconda del vento che tira e del valore sensazionalistico di una notizia, tacendo però sul significato vero dei fatti…
uno stato impietosamente assente che ha da tempo immemorabile capitolato, lasciando che siano loro a decidere della vita e della morte di una delle terre, in potenza, più ricche del mondo

Più che un libro una mazzata nello stomaco.. ma ci voleva

leggi sul sito

Share

I telefonini fanno male?

al nostro sui . Dopo aver visto i filmati nel thread sul sito

I telefonini fanno davvero male oppure è tutta una balla?

Share

Integrare il SP1 di Vista

Occorrente
Microsoft, per chissà quale ragione, non ha offerto alcun sistema per integrare il sp1 di windows all’interno del cd o dvd d’installazione, col conseguente risultato che in caso di formattazione bisogna spendere, oltre al tempo d’installazione di , anche l’ora necessaria per installare il service (sul mio pc tanto ci mette).
Per ovviare a questo problema è uscito di recente un programma, chiamato Vista Upgrade Integrator, che consente l’aggiunta linguaggi, drivers, e service packs al cd o dvd d’installazione di windows.
Questo programma si basa sul .NET 3.5.
L’occorrente, pertanto è:

  • Il Cd o DVD d’installazione originale di vista
  • Un sistema attivo e funzionante. Dato che la procedura sarà lunga e complessa è consigliabile avere due hard separati (non due partizioni sullo stesso disco) per velocizzare le .
  • Il .Net Framework 3.5
  • Vista Update Integrator
  • Il SP1 di Vista
  • Driver, aggiornamenti e linguaggi aggiuntivi.

Esecuzioni delle operazioni Dopo aver installato il .NET Framework 3.5 e Vista Update Integrator, avviare il programma.
Cliccare sulla rotellina in alto e destra e scegliere la voce Options per indicare che la di lavoro dev’essere sul secondo hard disk (di default si trova nella partizione di sistema – c:vui). Se non si ha un secondo hard disk, saltare questa operazione.
Cliccare su Home e successivamente su Browse: verrà aperta una finestra che chiederà l’immagine contenente il sistema operativo (install.wim). Tipicamente questa si trova nella cartella Sources del disco.

Dato che il disco è di sola lettura, il programma dovrà copiarne l’intero contenuto sul disco rigido: indicare dove salvare i dati.
Il programma scansionerà il file install.wim alla ricerca delle versioni di Vista presenti e chiederà quale modificare: indicarla.

Andare nella scheda Updates, cliccare sul pulsante Add Service Pack ed indicare dove si trova il service pack: il programma scansionerà l’eseguibile ed aggiungerà alla lista gli aggiornamenti presenti nel file (il SP 1 contiene 4 aggiornamenti da installare prima del pacco ed il pacco stesso).
Attenzione: se gli aggiornamenti sono già presenti nell’immagine scelta il programma non li mostrerà nella lista.

Andare nella scheda Apply: qui si deve decidere se si desidera patchare l’immagine esistente o se si desidera creare una nuova immagine a partire dai files esistenti.

Nel primo caso i files verrano sostituiti per tutte le versioni, ciò potrebbe causare l’instabilità di alcune versioni del sistema.
Se si desidera creare una nuova immagine, sarà necessario specificare quali immagini includere.
Attenzione: se si sceglie di creare una nuova immagine ma si desidera installare il sp1 su più versioni, sarà necessario ripetere l’operazione per tutte le versioni del sistema.
Adesso bisogna cliccare su Start per dare inizio al lavoro: posso dire che su un intel centrino due duo da 1.66 ghz con un singolo hard disk l’installazione del solo service pack richiede più di due ore e mezza, mentre su un athlon xp 2200+ con due hard disk ho ottenuto una copia del DVD originale con dentro tutte le versioni di cui solo 1 aggiornata in 3 ore e 16 min.
Se si ottiene una schermata blu che indica che c’è stato un errore nel file NTFS.sys, è necessario effettuare il checkdisk (lo scandisk) sui dischi interessati.

Una volta terminata l’operazione si può usare il file corrente per aggiornare altre versioni del sistema oppure si può decidere di creare un file masterizzabile. In questo caso andare nella tabella Create ISO, indicare l’etichetta che il disco dovrà avere e cliccare su Create Iso.

Fonte

Partecipa alla discussione sul forum

Share